Olbia

La città di Olbia è l’insediamento principale della Gallura, nel nordest della Sardegna, e uno degli snodi fondamentali del turismo dell’isola. La città è la principale porta d’accesso alla Costa Smeralda ed è circondata da suggestive colline e si affaccia su un bellissimo golfo al cui interno si trovano le isole di Tavolara e Molara.

Con 2 mila 500 anni di storia, Olbia è stata fondata dai Fenici e conquistata dai romani, periodo di cui conserva le terme e l’acquedotto, l’unico ancora intatto in Sardegna, e una tipica fattoria, quella di S’Imbalconadu. Da non perderei palazzi d’epoca, i resti delle Mura Puniche, la Chiesa di San Paolo Apostolo, la Basilica di San Simplicio e l’importante Museo archeologico situato sull’isolotto di Peddone.

Per le vie del centro si trovano diversi negozi di artigianato sardo e i ristoranti dove gustare anche i prodotti tipici della cucina sarda.

I dintorni di Olbia offrono un gran numero di possibilità per escursioni, in auto e a piedi: ad attendervi zone d’interesse archeologico, come il nuraghe Riu Mulinu, aree naturalistiche e, ovviamente, bellissime spiagge e aree costiere. Nelle vicinanze da visitare le cittadine di Porto Rotondo, Golfo Aranci, Portisco, Porto San Paolo, San Teodoro e, naturalmente, Porto Cervo.

Inoltre, nella parte meridionale del Golfo di Olbia si estende un complesso di lagune, specchi d’acqua che generano un paesaggio strepitoso grazie alle pareti granitiche e alle numerose colonie di volatili presenti.

Per raggiungere Olbia potete viaggiare da numerose città italiane sia in aereo, numerosi i collegamenti con l’aeroporto di Olbia – Costa Smeralda, che in traghetto.

Cosa vedere a Olbia

Basilica di San Simplicio

Tra i rari esempi del Romanico sardo in Gallura, la Basilica di San Simplicio di Olbia è stata eretta sul sito di un antico tempio pagano e di una necropoli, dove nel 304 d. C. il santo patrono della città venne martirizzato.

Quasi completamente realizzato in granito, l’edificio a tre navate, suddivise da arcate che poggiano su colonne, venne eretto tra la fine dell’XI secolo e l’inizio del XII per volere dei Giudici di Gallura. Nella basilica si possono rintracciare 3 fasi costruttive: della prima sopravvivono le mura, l’abside, le colonne e le navate, della seconda l’elevazione dei muri perimetrali e della terza fase la facciata e la copertura.

All’interno della chiesa si trovano due affreschi del XII secolo, alcune iscrizioni funerarie e il reliquario di San Simplicio.

Museo Archeologico di Olbia

Sull’isolotto di Peddone, nel centro storico di Olbia, a due passi dal Municipio e dal porto, si trova il Museo Archeologico, un edificio che richiama le linee di una nave ormeggiata, le finestre circolari, le passerelle sospese hanno lo stesso scopo, al cui interno sono custoditi importanti reperti riguardanti la storia della città e il maggior numero di navi antiche in Italia.

Del percorso espositivo fanno parte reperti che vanno dalla preistoria fino al XIX secolo. Oggetti dell’età nuragica, fenicia, greca, punica e romana rendono unica la collezione esposta anche grazie a supporti multimediali come quello che ripropone l’incursione dei Vandali, intorno al 450 a.C., e all’affondamento di 11 navi ormeggiate nell’antico porto.

Nella prima sala si trovano due relitti di navi romane mentre nella Sala 3 è ospitato il relitto di una piccola imbarcazione medievale, l’unica esposta al pubblico in Italia. Al primo piano sono ripercorse le fasi prenuragiche, quelle nuraghiche e la nascita dell’insediamento fenicio e sono esposti terrecotte, corredi funebri e anfore di origine romana.

Inoltre, dai terrazzi del Museo Archeologico potrete ammirare una bella vista del porto, del golfo e delle colline circostanti.

Chiesa di San Paolo Apostolo

La bellissima cupola rivestita di maioliche policrome della Chiesa di San Paolo Apostolo spicca nella parte più alta del centro storico di Olbia. L’edificio, tipico esempio di architettura gallurese, è stato costruito probabilmente durante il basso-medioevo sul sito di un antico tempio romano dedicato con tutta probabilità ad Ercole ed infatti nel 1989, durante alcuni scavi, sono stati rinvenuti sotto l’abside i resti di età ellenistica.

Ampliato nel 1939 per ricavarne una chiesa dalla pianta a croce latina, periodo a cui risale anche la cupola, l’edificio è decorato da affreschi nella volta, nelle pareti laterali e nelle piccole cappelle e custodisce alcuni oggetti d’arte pregevoli, quali il coro ed pulpito in legno del Settecento.

Biglietti di ingresso e attività

Quelli che seguono sono i biglietti e i tour più richiesti a Olbia che vi consigliamo di non perdere.

Dove dormire a Olbia

Per vedere tutte le strutture e prenotare un alloggio a Olbia utilizza il form seguente, inserendo le date del soggiorno.

Dove si trova Olbia

Vedi gli Hotel in questa zona

Approfondimenti su Olbia

Aeroporto di Olbia

Aeroporto di Olbia

L'aeroporto di Olbia Costa Smeralda (OLB) è il principale scalo della parte settentrionale della Sardegna e si trova a soli 4 chilometri dal centro città,...
Noleggio auto a Olbia

Noleggio auto a Olbia

Il modo migliore per raggiungere le meravigliose spiagge della Costa Smeraldo e per andare alla scoperta dell'affascinante entroterra sardo è noleggiare un'auto....
Ti è stato utile questo articolo?

Il tuo parere per noi è importante, facci sapere che ne pensi usando le stelle

Valutazione media 4.5 su 6 voti

Località nei dintorni